skip to Main Content
Come Contattare Servizio Elettrico Nazionale

Come contattare Servizio Elettrico Nazionale

Dal primo gennaio 2017 Enel Servizio Elettrico ha cambiato il proprio nome in Servizio Elettrico Nazionale. Tuttavia nulla è cambiato per i clienti del servizio di maggior tutela: il cambio è stato obbligato da una delibera dell’Autorità.

Sommario:

Servizio Elettrico Nazionale: perché il cambio nome

La denominazione sociale Servizio Elettrico Nazionale è tale solo dal 2017. Precedentemente, infatti, i clienti del mercato di maggior tutela erano abituati a interfacciarsi con Enel Servizio Elettrico. Tuttavia, le società attive sia nel tutelato che nel mercato libero hanno dovuto adeguarsi alle politiche di unbundling stabilite da ARERA con delibera 296/2015/R/COM.

Tale delibera determina che per ogni società operante in ambedue i mercati era necessario un nome e un marchiologo_servizioelettriconazionale singoli, identificativi e differenti tra loro. È così che Enel ha operato per la distinzione tra Servizio Elettrico Nazionale ed Enel Energia, che opera nel mercato libero. Questa divisione ha interessato anche le società di distribuzione: è così che si è passati da Enel Distribuzione a e-distribuzione (come spiegato in questo articolo).

Per quanto il cambio possa apparire brusco da un punto di vista denominativo, nel pratico non vi sono state modifiche significative. Questo nonostante la difficoltà per alcuni, soprattutto nei primi tempi, di identificare il fornitore come l’antico – con nome cambiato – piuttosto che come uno nuovo. I contatti di riferimento e le condizioni contrattuali sono infatti rimasti inalterati e le modifiche sono ormai totalmente operative.

Tutto sul contatore

Esattamente come per le condizioni dell’utenza, neanche il contatore ha subito modifiche con il cambio nome in Servizio Elettrico Nazionale. A parte il comprensibile smarrimento, nessun disagio tecnico è stato infatti registrato sui contatori che hanno mantenuto intatte e continue le erogazioni di energia.

Come fare autolettura

Realizzare l’autolettura del contatore con fornitura Servizio Elettrico Nazionale è un’operazione fortemente consigliata. Si tratta infatti di una misura di precisione che permette di calcolare il consumo reale e non quello che, altrimenti, è solo stimato. Con l’autolettura si può inoltre prevenire la ricezione di una bolletta di conguaglio che, spesso, può risultare realmente salata.

contatorePer effettuare l’autolettura del contatore è necessario conoscere il numero cliente presente in una delle ultime bollette. Questo è un dato solitamente presente nella stessa zona, del foglio, nella quale si trova il codice POD. L’autolettura va inoltre effettuata in uno dei periodi indicati in bolletta dal fornitore e comunicata tramite i canali ufficiali dello stesso.

Guasti: chi contattare?

Un guasto al contatore è certamente una delle peggiori rogne che possa affliggere un’utenza. Si tratta molto spesso di operazioni nelle quali è infatti necessario un intervento tecnico per il quale può essere richiesta una tempistica più o meno lunga.

Per eventualità particolarmente complesse è necessario contattare e-distribuzione, la società del gruppo Enel che si occupa della gestione della rete elettrica (guida per sapere di più sul ruolo di e-distribuzione nella distribuzione dell’energia in Italia). Per le proprie segnalazioni, si può telefonare al numero verde 803 500 tutti i giorni, dalle 7:00 alle 22:00 escluse festività nazionali.

Se i problemi riguardano invece i consumi rilevati è probabile che possa essere sufficiente il contatto con il proprio fornitore. Nel caso si sia clienti Enel nel mercato tutelato è quindi bene ricordarsi che l’operatore di riferimento sarà il Servizio Elettrico Nazionale.

Operazioni con Servizio Elettrico Nazionale

Fino al 2020, il Servizio Elettrico Nazionale sarà l’operatore di riferimento della galassia Enel per quanto concerne il mercato di maggior tutela. La liberalizzazione del mercato, iniziata dai decreti Bersani e decreto Letta, troverà infatti piena applicazione solo nel luglio del 2020, a seguito del rinvio stabilito dal Governo Conte con il Decreto Milleproroghe.

Per quanto concerne cambi relativi le utenze del mercato tutelato sarà quindi ancora Servizio Elettrico Nazionale l’operatore di riferimento, almeno sino alla prossima estate. Ciò significa che per voltura, subentro, prima attivazione (luce e/o gas) e allacciamento alla rete (luce e/o gas) ci si può ancora affidare a esso mentre, se si deciderà di entrare nel libero, si dovrà contattare Enel Energia.

In quest’ultimo caso, si potrà procedere anche prima del 2020, in linea con le proprie necessità. A tal pro va segnalato che il mercato libero permette di usufruire di alcuni vantaggi, come più trasparenza tra i fornitori e la possibilità di attivare luce e gas con il medesimo operatore. Inoltre, vengono garantiti dei servizi di assistenza clienti migliori e sconti nel caso si attivino offerte con bolletta web.

In alternativa, per avvicinarsi gradualmente alla fine del mercato tutelato, gli utenti possono scegliere di optare per le offerte PLACET e Tutela Simile.
Queste prevedono:

  • Offerte PLACET: scelta tra prezzo negoziato tra utente e operatore bloccato per dodici mesi o collegato al mercato dell’ingrosso di luce e gas;
  • Offerte Tutela Simile: valide un anno ma non rinnovabili.

Contatti Servizio Elettrico Nazionale

Per entrare in contatto con il Servizio Elettrico Nazionale, per i clienti Enel del mercato tutelato, esistono diverse possibilità. Dal sito web ufficiale è possibile consultare i propri consumi e le gestioni contrattuali del cliente oltre a poter inviare documenti, gestire il contatore e le bollette, conoscere i dettagli sul canone Rai e modificare i propri dati.

Tramite l’area clienti è inoltre possibile inviare una mail o documenti vari. Registrandosi si potrà così procedere con l’invio di ricevute di pagamento, dichiarazioni di residenza, domiciliazione bancaria o postale, modulo di adesione, dati catastali, adesione alla fornitura, recesso del contratto eccetera.

contatti_enel

Quelle tramite web sono modalità immediate che sopperiscono alla cessata attività relativa ai punti fisici. Il Servizio Elettrico Nazionale ha comunicato infatti che non effettuerà più assistenza al cliente nei negozi fisici, eccezion fatta per i clienti colpiti dal sisma centro Italia. In tal senso è possibile consultare un elenco, aggiornato a gennaio 2019, con i punti fisici interessati che sono ancora attivi.
Tale lista è consultabile al seguente indirizzo web: https://www.servizioelettriconazionale.it/it-IT/documento_elenco_contatti.

Inoltre è sempre possibile contattare Servizio Elettrico Nazionale tramite i numeri di telefono:

  • 800 900 800 numero verde dal lunedì alla domenica dalle 7:00 alle 22:00, escluse festività nazionali, a disposizione per stipula o disdetta del contratto, diminuzione o aumento di potenza, lettura del contatore, domiciliazioni, informazioni o reclami;
  • 199 50 50 55 dal lunedì alla domenica dalle 7:00 alle 22:00, escluse festività nazionali, per chiamate da linea cellulare al costo stabilito dall’operatore telefonico di riferimento;
  • 0 800 557 734 dal lunedì alla domenica dalle 7:00 alle 22:00, escluse festività nazionali, per chi chiama da Campione D’Italia.
Come contattare Servizio Elettrico Nazionale ultima modifica: 2019-02-05T11:15:35+00:00 da La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top