skip to Main Content
Come Compilare Il Modulo Di Ripensamento Del Contratto Di Fornitura Di Optima Italia

Come compilare il modulo di ripensamento del contratto di fornitura di Optima Italia

Può capitare che quando avete già firmato il contratto di fornitura di energia con Optima Italia vi rendiate conto che non è questa la vostra migliore opzione. E quindi cosa posso fare in caso di riconsiderazione del contratto di fornitura? L’unica opzione possibile è compilare il modulo di ripensamento di Optima Italia.
Sommario:

Cos’è il diritto al ripensamento del contratto di fornitura?

Ci stai ripensando? Ne hai il diritto! In caso abbia sottoscritto un contratto di fornitura con Optima Italia hai la possibilità di poterci ripensare e quindi procedere alla sua disdetta.

logo optima italiaIl diritto di ripensamento consente al soggetto di poter ritornare indietro sulla sua decisione e quindi di non proseguire con il contratto di fornitura. Ovviamente non è sempre esercitabile, ma risulta vincolato al fatto che va richiesto tramite modulo di ripensamento entro e non oltre 14 giorni dal momento in cui viene sottoscritto il contratto.

In questo modo sarà possibile per il soggetto recedere dal contratto precedentemente firmato senza dover pagare alcun onere a Optima Italia e senza avere alcuna tipologia di obbligazione.

Il diritto al ripensamento del contratto con il fornitore di energia elettrica rientra in una più ampia disciplina giuridica che risponde al Codice del Consumo e che è volta a gestire e disciplinare gli aspetti legati alle vendite effettuate a distanza ( televendita, call-center) o che vengono comunque effettuate al di fuori dei locali commerciali dell’azienda.

Il diritto di ripensamento è sempre valido?

In molti sono portati a pensare che è sempre possibile poter recedere da un contratto che si è già stipulato.

Non è questo il caso. Il diritto al ripensamento di Optima Italia può essere applicato soltanto se la richiesta perviene, come detto precedentemente, entro 14 giorni, inoltre si può applicare solo a quella tipologia di contratti che vengono stipulati al di fuori dei locali commerciali di Optima Italia.

Rientrano in questo caso gli accordi effettuati:

  • In casa propria.
  • Nei centri commerciali.
  • Attraverso una chiamata telefonica.
  • Attraverso la web.

In ogni caso vige l’obbligo, non solo quando il fornitore è Optima Italia, di provvedere a consegnare al cliente, una volta che si è concluso il contratto, una copia firmata o una conferma che consenta al cliente di avere tutte le informazioni necessarie.

Il modulo di ripensamento del contratto di fornitura di Optima Italia

Nel momento in cui decidiamo di provvedere al diritto di ripensamento dell’accordo la prima cosa che dobbiamo controllare è il tempo che è trascorso dal momento in cui è stato sottoscritto il contratto di fornitura.

call centerE per sottoscrizione si intende il momento in cui è stata ricevuta la copia scritta del contratto (sia online o attraverso agente commerciale).

Da quel giorno iniziano a decorrere i 14 giorni di obbligo entro i quali può essere presentata la domanda di ripensamento.

Il modulo di ripensamento del contratto di fornitura di Optima italia va inviato attraverso varie modalità.

L’importante è che se ne scelga solo una per non creare problemi di confusione:

  • Attraverso l’e-mail di contatto di Optima Italia: servizioclientiprivato@optimaitalia.com.
  • Attraverso il numero di fax di Optima Italia: 800959600.
  • Indirizzo e-mail Pec: optimaitalia@legalmail.it.
  • Attraverso raccomandata postale all’indirizzo della sede di Optima Italia in Corso Umberto I, 174, Cap. 80138 Napoli.

Nel caso in cui non si abbia mai scritto un modulo di recesso è possibile poter scaricare un esempio direttamente all’interno della pagina di Optima Italia.

Per questo vi consigliamo di copiare e incollare questo link all’interno del vostro browser di ricerca: http://www.optimaitalia.com/public/files/pdf/vitamia/consumer/PIC_0217_diritto%20di%20ripensamento.pdf

Quali effetti determina il recesso del contratto di fornitura per ripensamento?

L’esercizio del diritto di ripensamento da parte del nuovo cliente di Optima Italia determina il rimborso di tutti i pagamenti che sono stati effettuati fino a quel momento a favore dell’azienda.

Gli eventuali rimborsi vengono effettuati attraverso lo stesso mezzo di pagamento che è stato utilizzato dal cliente per effettuare la transazione, sempre che non sia stabilito in maniera differente dalle parti.

Nel momento in cui viene confermata la recessione del contratto decade la fornitura del contratto con Optima Italia S.p.A.

Così sarà possibile ritornare a vedere quale offerta all’interno del mercato risulta essere la migliore secondo le vostre esigenze. In questo caso vi consigliamo di leggere quest’altro nostro articolo che vi può aiutare nella scelta del perfetto fornitore di energia.

Come compilare il modulo di ripensamento del contratto di fornitura di Optima Italia ultima modifica: 2018-04-27T08:30:59+00:00 da La Redazione
This Post Has One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top