Quanto si risparmia con il Fotovoltaico

pannelli fotovoltaici

Preventivo Gratuito per il tuo nuovo Impianto Fotovoltaico

Vuoi installare un impianto fotovoltaico? Scopri i fornitori più convenienti


Utilizzare il sole come fonte di energia è un valido espediente per risparmiare sulla bolletta della luce. Non solo. Sfruttare l’energia solare tramite l’installazione di pannelli fotovoltaici comporta un’importante riduzione dell’inquinamento. Da sempre, per produrre energia, sono state utilizzate fonti di energia “esauribili” nel tempo come la legna, il carbone o il petrolio. Oggi, grazie allo sviluppo di nuove tecnologie, abbiamo la possibilità di sfruttare le cosiddette energie rinnovabili. Il sole è una di queste, ha un impatto ambientale pari a zero ed è inesauribile. Grazie al fotovoltaico possiamo sfruttare questa immensa fonte inesauribile per produrre energia utilizzabile per la nostra abitazione o per la nostra azienda. Inoltre con l'approvazione del Decreto Legislativo "Rilancio" il Superbonus del 110% è applicabile anche al fotovoltaico e ai sistemi di accumulo

Come funziona il fotovoltaico?

Un impianto fotovoltaico è formato da celle fotovoltaiche. Ogni cella utilizza il silicio come semiconduttore, il quale, mediante un meccanismo chiamato “effetto fotovoltaico, induce la stimolazione degli elettroni ogni volta che cattura energia solare. Perciò quando i raggi del sole colpiscono la cella fotovoltaica, l’energia del fotone viene trasferita agli elettroni nella cella nella quale è presente il silicio.

Un impianto fotovoltaico produce un tipo di energia detta “corrente continua”. La corrente elettrica viene però distribuita in tutto il mondo in “corrente alternata” (50 Hz in Europa, Asia e Africa mentre 60 Hz in America e alcune parti del Giappone). L’impianto fotovoltaico trasforma la corrente accumulata da continua ad alternata grazie all’inverter. L’inverter non è altro che il cuore pulsante dell’impianto fotovoltaico. Simile ad un quadro elettrico e protetto da un involucro di metallo, l’inverter va montato vicino al fotovoltaico e soprattutto in un ambiente ventilato. 

Come risparmiare grazie al fotovoltaico?

Naturalmente bisogna tener conti di diversi fattori. In inverno la produzione sarà inferiore mentre in estate addirittura in abbondanza. Anche la posizione geografica è un fattore determinante. Si stima che un impianto fotovoltaico possa rendere nel Nord Italia almeno 1.100 Kwh per kw l’anno mentre nel Sud Italia fino a 1.500 Kwh per Kw l’anno. Il modo migliore per sfruttare il fotovoltaico è l’autoconsumo istantaneo. Se riuscite ad utilizzare i vari elettrodomestici nelle ore diurne, quelle di maggior accumulo, il risparmio sarà garantito. Inoltre, sfruttando il conto energia, è oggi possibile godere di incentivi per famiglie o aziende le quali hanno intenzione di installare un impianto fotovoltaico. Grazie alle energie rinnovabili e al fotovoltaico è possibile trasformare la propria abitazione in una casa green, ridurre l’inquinamento e ottimizzare il consumo dell’energia, evitando gli innumerevoli sprechi ai quali andiamo incontro ogni giorno, utili solamente a far lievitare il prezzo della bolletta.

Come si risparmia con il fotovoltaico?

Grazie al sistema di autoconsumo è possibile risparmiare notevolmente sulla tua bolletta della luce. L'autoconsumo consiste nel consumare istantaneamente l’energia prodotta dal nostro impianto. Così facendo non si preleva direttamente la corrente di cui necessiti, evitando di pagarla al fornitore. Come primo risultato avrai quindi una notevole riduzione (non eliminazione!) della bolletta della luce. Chiaramente l'entità del risparmio dipende da quanto paghi l'energia elettrica al fornitore e dal costo dell'impianto fotovoltaico.

Gli impianti fotovoltaici moderni sono economicamente molto più accessibili rispetto a qualche tempo fa. Difatti il prezzo di un impianto fotovoltaico si è ridotto di quasi un terzo rispetto al passato. Per analizzare correttamente il risparmio derivante da un impianto fotovoltaico bisogna calcolare tutti i costi da sostenere che troverai esposti di seguito:

  • Fornitura dell’impianto: moduli, inverter, quadri, connettori, struttura... circa il 50% della spesa totale
  • Installazione: progettazione, messa in opera, collaudo ... circa il 30% della spesa totale
  • Costi amministrativi: gestione pratiche per l’allacciamento con il distributore e per gli incentivi con il GSE, circa il 20% della spesa totale

Naturalmente le percentuali sopra espresse sono indicative e dipendono dalla taglia dell'impianto e dalla qualità dei prodotti.