Quando fare la manutenzione della caldaia


Manutenzione della caldaia a gas in cosa consiste

La manutenzione della caldaia è un controllo periodico che occorre svolgere per certificare l'efficienza della nostra caldaia: poiché questa utilizza un combustibile, la legge ha stabilito che la manutenzione della caldaia è obbligatoria, in quanto necessaria a garantire la sicurezza dell'impianto. In particolare, la manutenzione della caldaia comprende due diverse operazioni, ovvero la manutenzione ordinaria della caldaia, per certificare la sicurezza dell'impianto e il controllo dell'efficienza energetica, che, tramite un check up dei fumi, garantisce che le emissioni inquinanti non oltrepassano la soglia minima stabilita dalla legge. Si tratta di due diversi interventi, ma entrambi obbligatori per legge, che devono essere effettuati in base a una tempistica ben definita, come indicato dalla normativa vigente. Qualora non si effettuasse la manutenzione della caldaia entro i tempi stabiliti, il proprietario dell'immobile potrebbe essere soggetto di pesanti sanzioni.

Analizziamo ora nel dettaglio in cosa consistono queste due operazioni. La manutenzione ordinaria della caldaia a gas è soggetta a un esame visivo dell'intero impianto e a una prova del generatore, per assicurarne la funzionalità. Durante i lavori di manutenzione ordinaria vengono eseguite diverse operazioni quali:

  • Pulizia del bruciatore e dello scambiatore
  • Verifica del tiraggio dei fumi
  • Controllo dei filtri e della tenuta
  • Controllo della ventilazione in relazione all'ambiente circostante

Il controllo dell'efficienza energetica invece serve ad analizzare nello specifico le emissioni dei fumi e la concentrazione degli agenti inquinanti presenti nei gas di scarico al fine di verificare e garantire l'efficienza energetica della caldaia secondo i limiti imposti dalla normativa di legge.

Chi chiamare per la revisione della caldaia

Trattandosi di interventi specialistici, non è possibile fare una manutenzione della caldaia fai da te ma è necessario rivolgersi a una ditta specializzata. Ma chi è il responsabile della manutenzione della caldaia? Il compito di occuparsi della manutenzione della caldaia a gas spetta, generalmente, all'occupante dell'immobile, quindi al proprietario di casa, o in caso di locazione, all'affittuario. Qualora si tratti di un impianto centralizzato, la responsabilità ricadrà sull'amministratore di condominio. Può capitare in certe circostanze che sia la stessa ditta a contattare il cliente, altre volte sarà il consumatore a dover rivolgersi a un tecnico specializzato per effettuare la manutenzione periodica. Se stai ristrutturando la tua abitazione e necessiti della realizzazione di un impianto di riscaldamento autonomo, e desideri avere un preventivo online, puoi consultare inteext.it.

Ogni quanto effettuare il controllo della caldaia a gas

La frequenza della manutenzione della caldaia può variare e dipende sia dal combustibile che viene utilizzato sia dal modello della caldaia. Le tempistiche possono variare a seconda di quando la caldaia è stata installata, perché una caldaia più vecchia, quindi meno efficiente, necessiterà di controlli più vicini nel tempo. É consigliabile dunque prestare attenzione alle tempistiche e sapere ogni quanto effettuare la manutenzione ordinaria della caldaia. Questa operazione non deve essere eseguita annualmente, come si crede generalmente, ma deve seguire le tempistiche indicate nel libretto di istruzioni che è stato fornito dal manutentore al momento dell'istallazione della caldaia. Per quanto riguarda invece il controllo dell'efficienza energetica, questa deve seguire una periodicità ben specifica:

  • ogni 4 anni in caso la caldaia sia installata da meno di 8 anni
  • ogni 2 anni in caso la caldaia sia installata da più di 8 anni

Nonostante le tempistiche sia indicate dalla normativa di legge, è consigliabile prestare attenzione alle normative regionali, in quanto alcune regioni italiane presentano norme autonome e possono indicare una periodicità differente.

In aggiunta a questi controlli periodici di manutenzione è bene ricordare che è obbligatorio effettuare il controllo dell'efficienza energetica quando la caldaia viene avviata per la prima volta e qualora sussistano interventi atti a modificarne l'efficienza energetica. Ogni regione è provvista di un catasto dove vengono registrati tutti gli impianti di caldaia, ognuno segnalato con uno specifico numero identificativo. Il tecnico della manutenzione della caldaia, grazie a questo codice numerico, può trasmettere i dati relativi all'impianto e aggiornare telematicamente il catasto.

Per quanto riguarda i prezzi della manutenzione della caldaia, occorre sottolineare che si tratta di un intervento non eccessivamente costoso, che si aggira tra i 100 e i 150 euro.

Durante il lockdown, molti consumatori non hanno potuto effettuare i controlli periodici della caldaia. Per questa ragione, le singole regioni hanno emesso delle normative speciali riguardo il covid e la manutenzione della caldaia. Diverse regioni hanno infatti disposto una proroga di 90 giorni per l'esecuzione degli interventi atti a garantire l'efficienza energetica della caldaia. É bene quindi informarsi circa le disposizioni specifiche della propria regione di appartenenza per conoscere le periodicità specifiche.

Per quanto riguarda i prezzi della manutenzione della caldaia, occorre sottolineare che si tratta di un intervento non eccessivamente costoso, che si aggira tra i 100 e i 150 euro. Esistono diverse soluzioni per far si che la tua caldaia consumi solo il quantitativo di energia necessaria. Coibentare casa e prestare attenzione che gli infissi non generino i famosi "spifferi" aiuterà l'ambiente a scaldarsi prima e ad evitare inutili sprechi di energia.

Aggiornato il