Mezzi elettrici e maggiore efficienza energetica


Lo sviluppo di una mobilità sostenibile e l'adozione di mezzi elettrici rappresentano una risposta efficace alle problematiche legate all'inquinamento atmosferico, soprattutto all'interno delle aree urbane. Vediamo come l'adozione di veicoli elettrici può contribuire a una maggior efficienza energetica e quali vantaggi i mezzi green possono garantire ad ambiente e cittadini. L'azienda Progenergy ha a cura il benessere del pianeta, per questo, se vuoi dare il tuo contributo e vuoi acquistare un mezzo green (bici elettriche, e-scooter e monopattini elettrici), puoi rivolgerti agli specialisti del settore che sapranno consigliarti il mezzo green più adatto ai tuoi spostamenti.

Veicoli elettrici e sostenibilità ambientale

Lo sviluppo di una mobilità sempre più sostenibile e l'adozione di veicoli elettrici rappresentano una soluzione efficace per fronteggiare il problema dell'inquinamento atmosferico, particolarmente grave nelle aree urbane. Per far fronte all'emergenza climatica è necessario adottare delle misure concrete e ripensare il modo di vivere la nostra quotidianità, con l'obiettivo di limitare il più possibile le nostre emissioni di C02 in atmosfera. É soprattutto nelle grandi città e nelle zone urbane che occorre promuovere e incentivare nuovi modelli di mobilità sostenibile. In base alle ultime statistiche di Eurostat, circa il 75% della popolazione europea vive all'interno di grandi città, la maggior parte delle quali presentano un inquinamento atmosferico oltre i limiti stabiliti dall'OMS. Questa situazione preoccupante trova riscontro anche nel documento Mal'aria, il report annuale stilato da Legambiente che analizza l'inquinamento dei centri urbani. Nonostante i periodi di lockdown legati alla pandemia Covid -19 che hanno permesso una lieve diminuzione dell'inquinamento, diverse città nel 2020 hanno registrato superamenti nei livelli di PM10, segnando l'ennesimo anno nero per la qualità dell'aria in Italia che si conferma una delle nazioni più inquinate in Europa. Occorre ricordare che l'inquinamento atmosferico è la quarta causa di morte nel mondo ed è responsabile per circa 500.000 morti premature ogni anno. É fondamentale quindi, portare avanti una rivoluzione green partendo dalle grandi città, tenendo conto dell'urgenza ambientale che stiamo affrontando, con l'obiettivo di raggiungere una maggior efficienza energetica, ridurre i consumi e migliorare la qualità dell'aria nei centri cittadini. Per raggiungere questi obiettivi è necessario innanzitutto riconsiderare l'intero settore dei trasporti e della mobilità urbana, promuovendo fin da subito una mobilità sempre più sostenibile che preveda da una parte una spinta alla mobilità condivisa, e dall'altra l'adozione e la diffusione di veicoli elettrici. La mobilità sostenibile è uno degli aspetti più importanti che caratterizzano una smart city, il cui obiettivo è proprio il miglioramento della qualità della vita dei cittadini. Una smart city deve offrire infatti la possibilità di accedere a modelli di mobilità condivisa, dal car sharing al bike sharing, ma anche la creazione di piste ciclabili e di parcheggi intelligenti. Queste innovazioni hanno l'obiettivo non solo di rendere più veloce e snella la mobilità urbana, riducendo i tempi di attesa, ma soprattutto di ridurre l'inquinamento urbano che deriva dagli spostamenti dei singoli cittadini.

Tutti i vantaggi dei veicoli elettrici

L'adozione di mezzi e veicoli elettrici può garantire numerosi vantaggi, in particolar modo per ambiente e salute. Il primo e principale vantaggio legato all'utilizzo di veicoli elettrici è legato alla tematica ambientale: sostituire un veicolo a carburante con uno elettrico consente non solo di migliorare la qualità dell'aria ma anche di ridurre le emissioni di gas serra nell'atmosfera. I veicoli elettrici hanno infatti un impatto ambientale molto più basso rispetto ai veicoli a motore, soprattutto sul lungo periodo. Inoltre possiamo ridurre ulteriormente le emissioni inquinanti e aumentare l'efficienza energetica accorciando la filiera produttiva: realizzare un veicolo elettrico green 100% made in Italy significa infatti risparmiare sui costi e sulle conseguenti emissioni inquinanti causate dal trasporto, rendendo così molto più efficace la lotta al riscaldamento globale. Una conseguenza spesso sottovalutata connessa al traffico cittadino è quella dell'inquinamento acustico. Questo rappresenta un problema che affligge persone e animali e uno dei vantaggi dei veicoli elettrici è proprio quello di essere molto più silenziosi dei mezzi a motore. Il traffico rappresenta infatti una fonte primaria di rumore che affligge quasi 70 milioni di cittadini europei, sottoposti costantemente a livelli di rumore che superano i 55-60 decibel. L'esposizione quotidiana a tali livelli di rumorosità può innescare una serie di conseguenze sull'organismo come stress, nervosismo, disturbi di concentrazione, disturbi del sonno e aggressività. Inoltre, secondo l'OMS, subire un'esposizione prolungata a livelli eccessivi di rumore può contribuire all'insorgenza di malattie cardiovascolari. È chiaro quindi, come un veicolo elettrico silenzioso, rappresenti un grande beneficio per la salute acustica di cittadini e animali. Un'analisi dell'AEA (Agenzia Europea Ambiente) ha analizzato in particolare l'impatto dei veicoli elettrici sul settore energetico: in base a questo report, se entro il 2050 l'80% delle vetture fosse elettrico, il consumo di energia elettrica europeo aumenterebbe del 10%. É importante dunque, accostare al sempre maggior numero di vetture elettriche anche una rivoluzione energetica che dovrà integrare sempre di più le fonti di energia rinnovabile per supplire alle richieste energetiche senza però incidere negativamente sull'ambiente e sul clima.

Mobilità elettrica, gli obiettivi italiani

La mobilità elettrica è uno degli obiettivi prioritari racchiusi all'interno del Pniec (Piano Nazionale Integrato per l'Energia e il Clima ) un documento che stabilisce gli obiettivi nazionali al 2030 in termini di sostenibilità, rinnovabili ed emissioni di C02. In particolare è stata fissata al 22% la quota di energie rinnovabili relativa al settore trasporti, stabilendo al contempo un graduale aumento delle immatricolazioni di vetture elettriche, con l'obiettivo di raggiungere 4 milioni di unità entro il 2030. La mobilità sostenibile rappresenta una grande scommessa per il futuro del nostro paese ma è anche una delle risorse più importanti che abbiamo a disposizione per contrastare gli effetti dell'inquinamento urbano.

Incentivi veicoli elettrici, come funziona il nuovo bonus mobilità

Per favorire l'adozione di mezzi elettrici e promuovere una maggior efficienza energetica, è stato promosso il Bonus auto e Bici 2021 con il quale si identifica un incentivo corrisposto al cittadino per l'acquisto di biciclette, monopattini, cargo bike e veicoli elettrici. Il bonus mobilità identifica un contributo economico che prevede un rimborso fino a 500 euro per coprire fino al 60% la spesa sostenuta dai cittadini per l'acquisto di un mezzo di mobilità sostenibile. I veicoli a cui è possibile applicare il bonus mobilità includono biciclette, bici a pedalata assistita (e-bike), monopattini elettrici (segway) e per usufruire dei servizi di mobilità condivisa. Possono fare richiesta del bonus mobilità tutti i cittadini maggiorenni residenti in comuni dove la popolazione è superiore a 50mila abitanti, ma anche i residenti nei capoluoghi di regione, le città metropolitane e i capoluoghi di provincia. Ai bonus elencati si aggiunge l'incentivo auto elettriche 2021, un'agevolazione economica che permette di ottenere un rimborso pari al 40% del prezzo sborsato per l'acquisto di vetture elettriche, a zero emissioni di C02. Il bonus auto elettriche 2021 può essere richiesto da i cittadini con ISEE inferiore a 30.000 euro, per l'acquisto di una nuova vettura green con prezzo massimo di listino di 30.000 euro, IVA esclusa. La scadenza del bonus è prevista per il 31 dicembre 2021. Il bonus mobilità si inserisce tra i molti finanziamenti green previsti dal governo grazie all'Ecobonus, con l'obiettivo di ridurre le emissioni di C02, favorire la mobilità sostenibile e la riqualificazione energetica domestica.

Aggiornato il