Migliore resa del fotovoltaico tramite un'attenta pulizia e manutenzione dell'impianto


Il settore delle energie rinnovabili sta assumendo sempre più importanza nelle scelte green degli italiani, in modo particolare il fotovoltaico con prodotti sempre più all’avanguardia che permettono di aumentarne il rendimento e l’efficienza. L’impianto fotovoltaico è uno strumento che sfrutta l’energia solare per trasformarla in energia elettrica tramite celle fotovoltaiche costituite da silicio che permettono tale conversione. Vi sono delle accortezze da seguire per rendere l’impianto più efficiente e migliorarne la resa evitando inutili sprechi energetici, tra tali interventi è utile prendere in considerazione una corretta pulizia dei moduli abbinata a una efficiente manutenzione.

L’importanza della pulizia dei pannelli fotovoltaici

I pannelli solari costituiscono il cuore dell’impianto fotovoltaico ed è per questo che è importante che siano sempre puliti. In alcuni casi può bastare la pioggia per portare via polvere ed eventuali detriti accumulati, ma in altri, come ad esempio incrostazioni persistenti, potrebbero richiedere un intervento più accurato. E’ fondamentale quindi eseguire una corretta e mirata pulizia in quanto questo permetterebbe una maggiore durata di vita dell’impianto nonché il corretto funzionamento dello stesso. E’ utile sottolineare che una pulizia periodica e programmata aumenta la resa energetica fino a portarla al 30%. E’ importante affidare a ditte specializzate nella pulizia dei pannelli fotovoltaici la cura del proprio impianto con l’utilizzo di attrezzature idonee che non lo danneggino in nessun modo.

Manutenzione ordinaria e straordinaria

Vi sono due tipologie di manutenzione per gli impianti fotovoltaici:

  • La Manutenzione ordinaria che comprende tutte le attività di controllo visivo delle componenti dell’impianto, e una verifica della produzione attraverso test mirati, come ad esempio controllo dell’integrità del vetro dei moduli solari, controllo dei cavi e delle scatole di giunzione, prove di funzionamento degli interruttori di protezione pulizia delle apparecchiature e la verifica della produzione dell’impianto. La pulizia è un piccolo investimento economico che mantiene alte le prestazioni dell’impianto e permette di risparmiare dei costi.
  • La manutenzione straordinaria invece consiste negli interventi di sostituzione delle componenti principali dell’impianto, ovvero l’inverter, il cuore elettrico del pannello. Generalmente in questa manutenzione vi è lo spostamento dei moduli, l’aggiunta delle batterie di accumulo e l’aumento di potenza dell’impianto fotovoltaico.

A tal proposito l’azienda Criobit adotta dei protocolli finalizzati a promuovere il riciclo e l’eventuale riuso di inverter fotovoltaici come agire concreto volto a fornire un importante contributo alla riduzione di rifiuti speciali. I componenti costitutivi degli inverter, infatti contengono una significativa quantità di elementi inquinanti, che se non recuperati adeguatamente o abbandonati, rischiano di arrecare un serio danno alle condizioni ambientali dell’intero pianeta. Al di là della marginalità che il modus operandi di un singolo soggetto inevitabilmente rappresenta in termini di incidenza ai fini risolutivi del problema, riteniamo ben più importante il contributo che aziende come Criobit possono dare alla diffusione di una sensibilità ambientale che oggi è diventata assolutamente imprescindibile, se si svuole scongiurare l’evenienza che il danno ecologico assuma una condizione di irreversibilità. Sono questi i presupposti che hanno orientato la mission aziendale di Criobit, all’interno della quale va posta la scelta di eseguire un intervento diagnostico gratuito sugli inverter che clienti e installatori partner ritengono destinati allo smaltimento. Ancor prima di classificare come rifiuto un inverter fotovoltaico, i nostri laboratori rianalizzano le condizioni di operatività del dispositivo, verificando l‘esistenza di una possibilità di riattivazione che ne ripristini la funzionalità, sottraendolo in tal modo alla discarica. I dispositivi riattivati vengono poi donati gratuitamente ad enti no profit, dotati di impianti fotovoltaici. Per rendere ancora più efficace il reperimento di questi inverter, l’azienda si fa carico di tutti i costi necessari alla loro eventuale riparazione, chiedendo al cliente/installatore di corrispondere esclusivamente il mero costo di spedizione dell’apparecchiatura, che comunque i nostri uffici provvederanno ad organizzare in toto. Nell’eventualità che l’inverter dovesse risultare irrimediabilmente danneggiato, sarà compito di Criobit occuparsi di tutte le fasi necessarie al suo corretto smaltimento, nonché dei relativi costi, provvedendo a recapitare al titolare del dispositivo la documentazione dell’avvenuto smaltimento, in accordo a quanto previsto dalla normativa vigente.

La frequenza della pulizia dei pannelli fotovoltaici

Normalmente si effettuata la pulizia dell’impianto, due volte l’anno , in particolare in primavera e in autunno. Si consiglia di tenere costantemente monitorata la quantità di energia prodotta, ma anche le condizioni generali dei pannelli, in quanto se ci si accorge che le prestazioni sono in calo, allora è il caso di contattare una ditta specializzata e richiedere un sopralluogo.

La frequenza della pulizia dipende principalmente dalla posizione dell’impianto. Nel caso in cui l’impianto si trovi in prossimità di un’area industriale, del mare o di una zona molto alberata, la frequenza della pulizia deve essere maggiore.

La pulizia dei pannelli fotovoltaici può anche essere eseguita tramite rimedi fai da te, preferibilmente durante le prime ore del mattino: la rugiada che si deposita durante la notte, infatti, è molto utile per ammorbidire la sporcizia e facilitarne la rimozione manuale.

Per procedere, è necessario possedere un kit per la pulizia adeguato composto, come detto precedentemente, da spazzoloni telescopici, spazzole a rullo e detergenti specifici per il vetro. Si potrebbe utilizzare anche un detergente domestico ma, potendo lasciare dei residui chimici in asciugatura, è importante risciacquare abbondantemente. In alternativa, e per andare sul sicuro, è possibile acquistare detergenti senza risciacquo,  anche online, a cifre davvero accessibili che si aggirano intorno ai 15 euro. In commercio esistono diversi kit per la pulizia dei pannelli fotovoltaici, ma in generale, il kit per eccellenza comprende: asta telescopica; filtro a resine ioniche, che produce circa 1000 litri di acqua purificata; adattatore angolare regolabile, che permette di raggiungere qualsiasi inclinazione; tubo flessibile; spazzola a setole fisse e morbide. Al contrario se si preferisce fare affidamento alle mani degli esperti, molte aziende offrono dei pacchetti di pulizia insieme all’installazione dell’impianto, oppure si può sempre pagare il servizio una tantum che oscilla tra 0,40 e i 2 euro per metro quadrato. I costi aumentano nettamente per gli impianti residenziali in questo caso si parla di una cifra che varia dai 15 ai 40 euro per metro quadrato, ma solo perché è necessario l’impiego di un sollevatore o di un braccio meccanico per arrivare facilmente sui tetti.

Consigli per la manutenzione

Per un’efficiente manutenzione è quindi utile ricordare l’importanza di alcuni fattori:

  • Eseguire una regolare pulizia: soprattutto in città, l’inquinamento è il nemico numero uno dei pannelli fotovoltaici.
  • Controllo dell’installazione prima della produzione: è fondamentale, perché i mesi freddi possono causare sofferenze alla struttura e ai moduli più esposti per via del carico della neve che potrebbe depositarsi o delle forti escursioni termiche;
  • Monitoraggio dei rendimenti: bisogna controllare costantemente l’energia prodotta, l’irraggiamento e la temperatura.
  • Rispetto delle misure di sicurezza: in modo particolare in fase di pulizia, soprattutto quando gli impianti si trovano su tetti di edifici molto alti.

Per una corretta manutenzione è importantissimo mantenere pulito l’impianto poiché questo permette una resa ancora maggiore, e se la pulizia è allineata con un controllo e assistenza il rendimento economico sarà maggiore. A differenza degli altri sistemi, quello fotovoltaico non richiede una manutenzione costosa e i prezzi della gestione sono molto bassi; questo perché la trasformazione dei raggi solari in energia elettrica non comporta una grossa usura delle superfici e degli impianti.

Aggiornato il