Quanto costa e come migliorare la Classe Energetica della casa?


Migliorare la classe energetica della propria casa permette di ridurre i consumi e il costo della bolletta, aumentando l'efficienza degli impianti presenti. Vediamo nei dettagli che cosa si intende per classe energetica, quali interventi eseguire per migliorare l'efficienza energetica del proprio immobile, costi e modalità.

Classe energetica di un immobile, cos'è

La crescente attenzione nei confronti dell'ambiente e della riduzione dei consumi, unita alle detrazioni fiscali dell'Ecobonus 2020 sta portando molte persone ad agire per il miglioramento della classe energetica della propria abitazione valutando l'installazione di caldaie e climatizzatori di ultima generazione. Ma cosa si intende esattamente con la classe energetica? Ogni immobile può essere valutato in base a delle specifiche caratteristiche tecniche, come l'efficienza degli impianti e dell'isolamento termico, che ne determinano la classe energetica, una scala di valori dalla G alla A. La classe energetica A è stata poi ulteriormente suddivisa in 4 classi, da A+ a A++++, denominate anche da A1 fino a A4. Più un immobile appartiene ad una classe alta, meno energia consumerà per far funzionare gli impianti al suo interno. Consumare meno energia, significa utilizzare meno combustibili fossili, ridurre le emissioni di CO2 nell'atmosfera e ridurre i costi delle bollette di luce e gas. Oggi più che mai l’ecosostenibilità è un tema di fondamentale importanza. I cambiamenti climatici interessano tutte le regioni del mondo, seppure in modi e forme diverse.

Inoltre, un immobile che attesti l'appartenenza ad una classe energetica alta avrà un valore immobiliare più alto sul prezzo di mercato, rispetto ad un immobile di classe inferiore.

Cos'è e come funziona l'APE

Per definire la classe di prestazione energetica di un immobile occorre fare richiesta di un APE (Attestato di Prestazione Energetica), una certificazione obbligatoria che va sempre presentata al momento della vendita o della locazione dell'immobile. La responsabilità del certificato spetta al proprietario di casa e deve essere indicato anche nella descrizione degli annunci immobiliari. L'APE può essere rilasciato solo in seguito all'intervento di un tecnico specializzato in grado di valutare e certificare la classe energetica dell'immobile. Il certificato di prestazione energetica ha una validità di 10 anni ma va rinnovato ogni volta che si effettuino lavori di riqualificazione energetica, che potrebbero andare a modificare le prestazione energetiche, e e di conseguenza la classe energetica dell'immobile.
Quanto costa l'APE? L'attestato di Prestazione Energetica ha un costo di circa 150 euro, ma può variare a seconda della città e della regione dove è situato l'immobile. In generale nel Nord Italia e, in particolare, nelle città metropolitane risulta avere un costo più alto rispetto ai piccoli centri del Sud Italia. É sempre consigliato affidarsi a un tecnico qualificato, in quanto una corretta valutazione della classe energetica, che può essere assegnata solo dopo un'indagine approfondita, è fondamentale per avere una panoramica precisa delle caratteristiche dell'immobile e soprattutto dei propri consumi energetici domestici.

Come migliorare la classe energetica della casa

Ci sono diversi interventi che possono essere svolti per migliorare la classe energetica del proprio immobile, in particolare: Coibentazione (Isolamento)– Una corretta coibentazione permette di ridurre le dispersioni di calore, oltre ad evitare la formazione di condensa e muffe. Sostituzione serramenti – cambiare gli infissi permette di evitare spifferi e perdite di calore, bene quelli a doppio o triplo vetro Sostituzione caldaia – sostituire una caldaia vecchia con una caldaia a condensazione diminuisce i consumi di energia. Se si parte da una classe bassa con l'obiettivo di una classe alta, sarà necessario intervenire su almeno due o più aspetti dell'immobile. Per migliorare la classe energetica della casa possiamo avvalerci anche delle nuove tecnologie e, soprattutto, appoggiarci alle fonti di energia rinnovabili. Per approfondimenti legati al tema dell’ambiente puoi leggere gli articoli di Periodico Italiano magazine.
Grazie anche all'Ecobonus 2020 si può ottenere una detrazione fiscale fino al 110% per interventi volti alla riqualificazione energetica dell'immobile. Nell'ottica di migliorare i consumi e l'efficienza energetica della casa, è possibile:

  • Installare un impianto fotovoltaico: i pannelli solari permettono di trasformare la luce solare in energia elettrica, mentre grazie all'ausilio di un impianto di accumulo è possibile immagazzinare l'energia green prodotta per poi sfruttarla durante le ore notturne;
  • Sfruttare l'energia eolica: grazie all'integrazione di un impianto micro eolico è possibile coprire fino all'80% del fabbisogno energetico domestico, senza dover acquistare energia dal distributore locale;
  • Realizzare un impianto domotico: tra i vantaggi della domotica vi è l'aumento dell'efficienza energetica e l'ottimizzazione dei consumi

Migliorare la classe energetica della propria casa permette di ridurre i consumi e il costo della bolletta, aumentando l'efficienza degli impianti presenti.

Aggiornato il