L’utilizzo del web nel 2023: consumi e pubblicità online

Aggiornato il
min reading
confronto luce e gasconfronto luce gas

Quali Fornitore Conviene Oggi?

Chiama ora e Confronta le migliori offerte. Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

confronto luce e gasconfronto luce gas

Quali Fornitore Conviene Oggi?

Confronta ora o parla con un esperto prendendo un appuntamento telefonico.

consumi del web
Consumi del web nel 2023

l mondo del web rappresenta un mare di opportunità per aziende e liberi professionisti che vogliono promuoversi e trovare nuovi clienti online. Non passa giorno in cui una nuova impresa non sbarchi sul web con un nuovo sito o che si faccia pubblicità attraverso Facebook e gli altri social network. In questo articolo vogliamo dare alcuni suggerimenti utili per farsi un’idea più chiara su come promuovere la propria attività online, a prescindere che si tratti di una libera professione oppure di un’azienda, per non parlare dei sempre più diffusi ecommerce.

Prima di passare ai consigli pratici però, vogliamo parlare più in generale del web, delle sue enormi opportunità ma anche dei costi (soprattutto ecologici) che comporta a livello globale. In particolare ci riferiamo all’impatto che un sito web ha sui consumi energetici. Recenti studi hanno difatti dimostrato che l’utilizzo di internet ha un impatto assai negativo sul nostro Pianeta. Anche se il privato cittadino può fare poco per ridurre questi valori, alcune scelte possono risultare virtuose per l’ambiente. Ad esempio è possibile scegliere un fornitore di energia che abbia a cuore l’ambiente e il risparmio energetico e che metta quindi a disposizione dei consumatori delle tariffe green.

Siti web e consumi energetici

Ormai siamo tutti felici di quanto le nostre vite siano semplificate dall’utilizzo del web; nessuno però si sofferma davvero a pensare a quanto effettivamente sia negativo il suo impatto sul nostro Pianeta. Secondo un recente report di Shift Project, la digitalizzazione è responsabile del 4% delle emissioni di gas serra, cifra in continua crescita; inoltre internet è responsabile più o meno del 7% del consumo energetico globale.

La causa è chiara: la quantità di dati presente in rete cresce in modo spropositato; le piattaforme di streaming ad esempio rendono sicuramente più piacevoli le nostre giornate, ma continuano a far crescere il traffico sul web. Di conseguenza a crescere è anche la quantità di energia necessaria. Bisogna quindi prestare più attenzione all’energia che consumiamo e soprattutto a quella che sprechiamo.

In ambito di risparmio domestico basta scegliere un fornitore adatto alle proprie esigenze di consumo o installare un impianto domotico per limitare gli sprechi. Nel caso invece di un sito web ad esempio è possibile abbassare i tempi di risposta delle pagine utilizzando G-Zip, il formato di compressione che riduce le dimensioni dei file che compongono un sito, abbattendo notevolmente i tempi di caricamento.

Non dimenticare che è importantissimo ottimizzare il tuo sito per Mobile; su GUEST.it, blog di informazione e curiosità, troverai moltissimi articoli a riguardo.

Farsi pubblicità attraverso Google

Quella di puntare sul più importante motore di ricerca presente sul web è da sempre una scelta azzeccata, e in molti casi la soluzione migliore per vendere senza spendere un budget elevatissimo. Già agli inizi della sua storia, Google ha messo a disposizione una piattaforma per creare degli annunci da mostrare a un pubblico specifico o soltanto a chi cerca delle precise parole chiave.

Ovviamente stiamo parlando di Google ADS, quello che fino a qualche anno fa si chiamava AdWords, termine ancora gettonato tra gli addetti ai lavori e non solo. Il principio di funzionamento è concettualmente semplice, ma complessa è l’ottimizzazione delle campagne per ottenere nuovi clienti e vendite.

In altre parole, per avviare e gestire una campagna in maniera efficiente è sempre consigliabile affidarsi a un esperto AdWords (Google ADS) che sia in grado di impostare delle campagne efficienti e con il più alto rapporto possibile tra il numero di vendite e il budget investito. Tra i tipi di annunci che si possono mostrare spiccano quelli sulla rete di ricerca (che compaiono soltanto quando si digitano delle specifiche parole chiave), quelli sulla rete Display (i classici banner pubblicitari), le promozioni video su You Tube e Google Shopping, quest’ultimo indispensabile per chi possiede un e-commerce.

Pubblicità sui social network

Una fetta importante della promozione online riguarda la pubblicità su Facebook, Instagram e gli altri social network. Ogni giorno vengono spesi milioni di euro per vendere oggetti di qualsiasi tipo sui principali social network (non altrettanti per verificare atti di hate speech). La pubblicità su questi immensi spazi virtuali funziona molto bene, poiché a frequentare i social sono milioni di italiani e gran parte della popolazione mondiale.

Volendo fare un parallelismo tra il digital marketing e la pubblicità tradizionale, se fino a qualche decennio fa tutti guardavano la televisione ed era lì che bisognava intercettare i potenziali clienti, oggi per trovare la massa dei consumatori è d’obbligo essere sulla maggior parte dei social.

Facebook ad esempio, ha affinato negli anni la sua sezione dedicata all’advertising e mette a disposizione una piattaforma intuibile a tutti. Tuttavia, anche per i social vale lo stesso discorso di Google: seppur in teoria si può impostare una campagna da soli, il consiglio anche in questo caso è di affidarsi a un social media manager con competenze anche nell’advertising. L’esperienza in questo campo fa tutta la differenza del mondo, specialmente quando ci sono in ballo migliaia di euro di budget per la pubblicità digitale. 

Altre forme di promozione sul web

Il Digital Marketing è un mondo davvero sconfinato, e per giunta in continua evoluzione. Oltre alle tradizionali forme di promozione online ci sono strategie che coinvolgono altri strumenti, come ad esempio l’email marketing. Con questa espressione intendiamo tutte quelle attività di promozione che includono l’invio di email ai potenziali clienti: magari per proporgli uno sconto o invitarli a fare un nuovo acquisto.

Infine, se per pubblicità online intendiamo anche la visibilità organica sui motori di ricerca, ecco che la SEO rientra tra le forme di promozione più proficue e soprattutto durature negli anni. Del resto, essere in prima posizione su Google per il prodotto che stai vendendo o il servizio che offri, è qualcosa di molto positivo che incide (e non poco) sul fatturato.