Trasloco senza stress: è possibile?

migliore offerta luce e gas

Risparmia fino a 700€ all'anno in bolletta!

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

gestore più conveniente

Risparmia fino a 150€ all'anno in bolletta!

I nostri call center sono momentaneamente chiusi. Compila il form per essere ricontattato.


Quando inizia effettivamente un trasloco? potremmo rispondere che comincia quando si iniziano ad imballare tutti gli oggetti della casa. In realtà, un trasloco, per non trasformarlo in un incubo, dovrebbe iniziare molto prima. E' necessario elaborare un piano, da mettere per iscritto e attuare. Una precisa organizzazione, permette di affrontare la circostanza senza ansia o incremento di ulteriore stress a quello che già si vive per il cambiamento.

Cosa scrivere nel piano da seguire?

La prima cosa da chiarire in famiglia è se si pensa di contattare un’azienda di traslochi oppure si opta per un trasloco fai da te. Se abbiamo optato per la prima soluzione, allora dovremmo selezionare una ditta affidabile, seria, non guardare troppo la parte economica ma piuttosto quella relativa a sicurezza e qualità, in quanto si tratta sempre di trasportare mobili e oggetti che ci sono estremamente cari.

Come trovare la ditta giusta?

Se non ne conosciamo già una, allora potremmo digitare sul motore di ricerca Google le parole “Traslochi…” accompagnata dalla località che ci interessa, ad esempio “Traslochi Roma”, a questo punto visualizzeremo alcune ditte di traslochi tra le migliori della zona, dovremmo solo contattarle, magari prima potremmo dare una controllata alle recensioni, e invitarle, se possibile più di una per avere più scelta, a fare un sopralluogo per definire le varie fasi del trasloco oltre al prezzo richiesto.

Ecco nove pratici suggerimenti

Nel caso invece, in cui si decide di affrontare un trasloco fai da te, proviamo a suggerirvi alcuni pratici consigli da inserire nel piano di attuazione da seguire.

  1. Effettuare un sopralluogo nella nuova casa e prendere in modo accurato le dimensioni delle stanze.
  2. Fare un elenco di tutti i mobili, oggetti o suppellettili da eliminare, vendere o regalare.
  3. Accertarsi di aver effettuato la voltura di energia elettrica e gas. Disdetta per la vecchia casa e contratto per la nuova abitazione.
  4. Contattare una ditta di noleggio furgoni per assicurarsene uno delle dimensioni giuste per il nostro mobilio e per la zona in cui dovremmo trasportarlo. Ad esempio, è un centro cittadino? O è una casa di campagna? È ovvio che in base a questo dovremmo scegliere le dimensioni del mezzo.
  5. Reperire più scatoloni possibili, carta e materiale vario da imballaggio, compreso nastro adesivo, forbici e pennarello.
  6. Dividere i mobili e gli oggetti per stanza. Quando si porteranno nella nuova casa dovremmo collocare gli scatoloni o i mobili smontati nella stanza giusta in cui andranno rimontati.
  7. Quando si smontano i mobili, fare attenzione a non perdere nessun pezzo, viti incluse, e catalogare tutto con numeri e posizioni di mensole o sezioni portanti. Più si è dettagliati e più facile e veloce sarà il montaggio successivo.
  8. Nel caricare i mobili all’interno del furgone, prestare attenzione ad inserire prima quelli più grandi e poi gli oggetti più piccoli, così lo spazio verrà ottimizzato al meglio. Solitamente, a meno che non si tratti di un trasloco molto piccolo, conviene fare più viaggi e non caricare in modo eccessivo il mezzo di trasporto, questo permetterà di seguire più facilmente una logica di trasloco, ad esempio smontare e rimontare stanza per stanza, sarà tutto più ordinato e semplice.
  9. Preparare un kit del primo giorno. Normalmente il primo giorno nella nuova casa non avremo a disposizione molte cose da utilizzare, visto che dovranno ancora essere sballate dagli scatoloni. È bene quindi avere a portata di mano le cose necessarie alla sopravvivenza del primo giorno, come ad esempio, lenzuola, asciugamani, pigiami e qualcosa da mangiare almeno per i primi due giorni.

Questi sono solo dei suggerimenti basilari che possono essere implementati a seconda delle esigenze.

L’aspetto importante però da tener conto in un trasloco fai da te, per evitare di stressarci troppo, è quello di avere sempre la situazione sotto controllo, e per farlo l’unico mezzo che abbiamo è quello di redigere e poi seguire un piano di trasloco più dettagliato possibile.

Inoltre se hai intenzione di acquistare casa consulta la guida di Banca Delle Case che ti aiuterà a non fare i comuni errori in merito all’acquisto.

Aggiornato il