skip to Main Content
Quanto Consuma Un Ventilatore In Casa Durante L’estate?

Quanto consuma un ventilatore in casa durante l’estate?

È arrivata l’estate. Per quelle persone che non sono così fortunate da avere dei condizionatori oppure che non vivono in città è tempo di tirare fuori dall’armadio i ventilatori.

Questi apparecchi rappresentano l’unica fonte di sollievo dal caldo afoso delle città. Ma quanto consuma un ventilatore? e che impatto può avere all’interno della nostra bolletta dell’elettricità?

Con questo articolo vediamo di analizzare questi aspetti in modo da poter avere un’idea chiara di quello che stiamo consumando e di poter quindi adottare un consumo più responsabile e magari rivedere le condizioni del nostro contratto di fornitura oppure procedure ad un cambio di operatore.
Sommario:

Quanto consuma un ventilatore in generale?

Consumo-ventilatore-normaleRispetto ad un condizionatore ad aria che viene installato in casa, la scelta di un ventilatore è ovviamente molto più economica. In linea generale, il consumo è di circa 1/10 rispetto a quello di un normale condizionatore ad aria.

Facendo una media tra le varie tipologie di ventilatore, che più avanti analizzeremo, un ventilatore assorbe all’incirca 40W, dipendendo sempre dalla velocità a cui viene messo.

Un consumo molto basso in accordo ad un prezzo d’acquisto e di installazione nettamente più alla portata lo rendono preferibile al condizionatore d’aria.

Calcolo consumo ventilatore in bolletta energia elettrica

Come abbiamo detto precedentemente, il consumo di un ventilatore è di molto inferiore rispetto a quello di un condizionatore d’aria. Per avere un calcolo più o meno indicativo di quanto corrisponde questo costi in bolletta ci sono alcuni passaggi da dover analizzare:

Controllare la potenza del ventilatore d’aria.

Esistono varie tipologie e marche e non tutte hanno la stessa potenza. Per questo è bene controllare qual è quella dell’apparecchio che abbiamo acquistato.

In linea di massima la legge prevede che questa sia indicata su di una etichetta posta o sul resto o sul fondo del ventilatore. Per comodità consideriamo una potenza media di 45W.

Chiedere al proprio fornitore qual è il costo dell’energia elettrica

Definire il costo è molto semplice, basta controllare sul proprio contratto di fornitura. Nel caso sia necessario prendere contatto con il proprio gestore vi consigliamo di visionare uno di questi link in cui sono presenti tutti i numeri di contatto inerenti al vostro fornitore di energia elettrica:

Enel, Eni gas e luce, Edison, Illumia, EVIVA, Axopower, Iren, Bluenergy, Acea, Sorgenia, A2A, AGSM, Optima Italia,Energrid, Wekiwi.

Per comodità nel nostro calcolo consideriamo un costo dell’energia intorno ai 0,15€ per il consumo di ogni KWh.

Costo in bolletta di quanto consuma un ventilatore acceso tutta la notte

Considerando che il media una persona dovrebbe dormire almeno 8 ore un’apparecchiatura accesa per tutta la notte ha un consumo di 45W x 8h = 360 Wh.

Una volta ottenuto il consumo dobbiamo ottenere il costo che è dato da una semplice moltiplicazione.
Il consumo totale (360Wh) moltiplicato per il costo di 1 KWh che abbiamo indicato precedentemente come 0.15€. 0.36KWh X 0.15€ = 0.054€.

Da questo calcolo si vede come il consumo in una notte, in linea generale, di un ventilatore, costa poco più di 5 centesimi di euro. Per avere delle stime più precise vi consigliamo di prendere contatto con il vostro fornitore di energia elettrica che saprà darvi i valori precisi rispetto al vostro contratto di fornitura di energia elettrica.

Quali sono i vantaggi e svantaggi ventilatore elettrico?

Consumo-ventilatore-soffittoL’installazione di un’apparecchiatura di questa tipologia determina vantaggi e svantaggi. Vediamo di analizzarli:

Vantaggi ventilatore elettrico estate

  • Rispetto ad un condizionatore ad aria ha un costo nettamente inferiore. Bisogna considerare che un buon ventilatore può costare anche 20/30€, mentre il condizionatore è di gran lunga più caro sia per il costo d’acquisto che per il consumo in bolletta.
  • Non richiede alcun tipo di installazione o interventi alla tua casa.
  • Non altera la qualità dell’aria presente all’interno della tua casa, sposta quella che è già presente.

Svantaggi ventilatore elettrico estate

  • Non ha una funzione accessoria come quella di deumidificatore.
  • Il funzionamento non comporta un refrigerio per tutta l’abitazione, ma solo verso le zone a cui viene puntato.
  • Alcuni modelli possono essere molto rumorosi e, quindi, fastidiosi durante la notte.

Come scegliere un ventilatore elettrico per l’estate?

Fino ad esso ci siamo interrogati su quanto consuma un ventilatore, ma la domanda risulta essere abbastanza generica. Questo perché esistono tante tipologie di apparecchi ed ognuno di questo ha un consumo differente.

Quanto consuma un ventilatore da soffitto?

Il ventilatore da soffitto in genere consuma tra i 20W e i 100W. Il loro peso può variare tra i 2 e i 7 kg, ma in commercio sono presenti anche di più pesanti. Sono i migliori in quanto riescono a rinfrescare in maniera quasi omogenea la stanza in cui sono presenti. Ricordatevi che i ventilatori non cambiano la composizione dell’aria, per questo se non siete nella stanza staccatelo. Altrimenti consumate energia inutilmente.

Quanto consuma un ventilatore a piantana?

Esistono varie tipologie di modello. Il prezzo varia a seconda delle caratteristiche. Alcuni possono avere un filtro che elimina polvere e polline, altri possono avere il telecomando di attivazione e spegnimento.In generale sono i più comuni, rinfrescano solo la direzione verso cui sono puntati e la loro potenza varia tra i 20W e i 70W. Questi valori ovviamente, come detto anche precedentemente, variano dalla tipologia di ventilatore e dalla velocità a cui vengono utilizzati.

Abbiamo potuto analizzare le varie tipologie di ventilatore e i loro consumi. Ovviamente questi cambiano sempre a seconda di una serie di fattori come contratto di fornitura, tipologia di distributore e costo dell’energia. È bene quindi sapere bene questi valori prima di procedere ad un acquisto attento ed oculato del proprio apparecchio per l’estate.

Quanto consuma un ventilatore in casa durante l’estate? ultima modifica: 2018-07-04T08:30:30+00:00 da La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back To Top