skip to Main Content
Chi Sono I Distributori Di Energia Elettrica In Italia?

Chi sono i distributori di energia elettrica in Italia?

Il processo di liberalizzazione del mercato dell’energia iniziato con il primo decreto Bersani ha portato alla creazione di diverse figure all’interno della filiera energetica. Tra queste un ruolo di particolare importanza ce l’hanno i distributori di energia elettrica così come di gas, i cui compiti vanno inquadrati per poterli ben differenziare da produttori, gestori e fornitori (in questo articolo spieghiamo brevemente le differenze).
Ma entrando nello specifico: chi sono i distributori di energia in Italia?

Sommario:

 

Chi sono i distributori locali?

La distribuzione di energia elettrica avviene grazie a operatori del settore che consentono di spostare la materia dal luogo in cui viene prodotta a quello del consumo, permettendo così l’arrivo finale nelle abitazioni domestiche. La corrente inizia il suo percorso dalle grandi centrali elettriche rendendo il ruolo della distribuzione quale una sorta di monopolio naturale per gli attori che gestiscono i vari collegamenti di reti e contatori.

A partire dalla liberalizzazione del settore si è avuto un aumento del numero dei distributori con la fine del monopolio che precedentemente era nelle mani del colosso Enel. A seguito del decreto la distribuzione è stata attribuita allo Stato che l’attribuisce in concessione a diverse società, di cui parleremo più avanti.

 

Cosa fa il distributore di energia

Come già accennato, il decreto Bersani ha realizzato una chiara divisione dei compiti degli operatori del mercato dell’energia (allo stesso modo il decreto Letta ha realizzato questa suddivisione nell’ambito del gas, come potrete approfondire in questo articolo).

Ricapitolando i ruoli nel mercato dell’energia, si ha una ripartizione che segue tale schema:

  • Produzione di energia, affidata a nuove municipalizzate locali che hanno affiancato Enel (che non può produrre più del 50% dell’energia creata in Italia);
  • Trasmissione e dispacciamento: l’operatività delle reti è gestita dal GSE mentre la proprietà delle infrastrutture è di Terna;
  • Distribuzione: ripartizione geografica con l’ingresso di nuovi player in ambito regionale e, talvolta, provinciale;
  • Certificati verdi per l’incentivo all’utilizzo di fonti rinnovabili.

distribuzione_luceIl distributore è quindi quell’operatore che gestisce a livello materiale il trasporto e la consegna dell’energia elettrica. Il suo ruolo è fondamentale in quanto sono i proprietari dei contatori della luce e del gas e si occupano inoltre della lettura degli stessi, operando quindi in modo attivo nell’implementazione di nuove tecnologie quali per esempio quelle degli smart meters.

In quanto proprietari dei contatori delle abitazioni i distributori sono inoltre i responsabili per eventuali malfunzionamenti degli stessi e operazioni come cambi e aggiornamenti. Si può quindi agire per problematiche sia tramite il proprio fornitore che anche direttamente presso il proprio distributore, ognuno dei quali raggiungibile per via telefonica o contatti ulteriori. Anche per casistiche legate ad allacciamenti di gas e luce il distributore è l’ente di riferimento.

Per quanto concerne il cambio del distributore, inoltre, questa operazione è del tutto gratuita, avviene nel tempo massimo di un paio di mesi e non comporta delle azioni tecniche sul contatore che resterà così attivo e funzionante. Il fornitore sarà tenuto, in questo caso, a mandare un’ultima bolletta di chiusura. Il recesso e l’avvio del nuovo contratto saranno invece gestite dal nuovo gestore.

 

E-distribuzione

logo-e-distribuzioneIl più importante distributore di energia in Italia è e-distribuzione (ex Enel Distribuzione), nato a seguito di una politica di unbundling da parte dell’ex monopolista del mercato. Per rispettare le normative dell’Autorità la società Enel Distribuzione dovette cambiare il nome, il 30 giugno del 2016, in modo da non creare confusione negli utenti con tutte le altre società appartenenti al gruppo. La delibera 296/2015/R/COM determinò infatti una netta separazione di logo e nomenclatura che non lasciasse spazio a dubbi e, così, la società che si venne a creare potè agire liberamente senza creare confusione tra le altre società quali Enel Energia e Servizio Elettrico Nazionale.

Si tratta del maggiore distributore sul mercato italiano, presente su tutto il territorio e riferimento generale per la maggior parte dei contatori che troviamo nelle nostre case. Attualmente sta svolgendo una politica volta all’innovazione del sistema di lettura delle utenze tramite l’implementazione degli Open Meter 2.0. Il nuovo contatore migliorerà lo smart metering permettendo di adattarsi alle normative e rispettando la delibera ARERA 87/2016 nonché i suoi standard di efficienza energetica.

Allo stato attuale e-distribuzione serve più di 31.5 milioni di utenti dislocati in tutta Italia con più di 7.400 comuni serviti dalla rete di distribuzione. Un gigante la cui rete supera il milione di chilometri dislocati in tutta Italia e che permette al gruppo Enel di mantenere un discreto predominio sul mercato.

 

Quali sono i principali distributori italiani?

Come già detto, il più importante distributore di energia in Italia è e-distribuzione, facente parte del gruppo Enel. Tuttavia la liberalizzazione del settore ha permesso l’ingresso nel settore di numerosi nuovi attori che, a livello regionale e in alcuni casi anche provinciale, hanno potuto creare una propria rete di influenza e servire più comuni e utenti. Tramite il portale dell’Autorità (al seguente indirizzo, da copiare e incollare nella barra superiore del browser: https://www.arera.it/ModuliDinamiciPortale/elencooperatori/elencoOperatoriHome) è possibile effettuare una ricerca degli operatori di riferimento per attività, territorio geografico (con divisione per regione, provincia e comune singoli o multipli) nonché ragione sociale, dividendo tra energia elettrica e gas.

Tuttavia vi sono altri distributori particolarmente importanti presenti nel mercato, che vale la pena menzionare. Tra questi troviamo:

  • Unareti (ex-A2A RETI ELETTRICHE), con sede legale a Brescia e sede operativa a Milano;
  • Areti (ex-ACEA DISTRIBUZIONE), con sede legale e operativa nel comune di Roma;
  • IRETI, con sede legale in provincia di Alessandria;
  • Inrete Distribuzione Energia del Gruppo Hera, con sede legale e operativa a Bologna;
  • SET DISTRIBUZIONE con sede legale e operativa a Trento;
  • SELNET con sede legale e operativa a Bolzano;
  • MEGARETI (ex-AGSM DISTRIBUZIONE) con sede legale e operativa a Verona;
  • I.M. SERVIZI A RETE con sede legale e operativa a Vicenza;
  • AZIENDA ENERGETICA RETI con sede legale e operativa a Bolzano;
  • DEVAL con sede legale e operativa ad Aosta;
  • AcegasApsAmga con sede legale a Trieste e sede operativa a Padova.

Un elenco di tutti i distributori di energia elettrica in Italia è inoltre disponibile sul portale di Terna, al seguente indirizzo (da copiare e incollare sul browser: http://impresedistributrici.terna.it/frmGenericForm.aspx?cparams=Iy4T/OwZ0K4mEnhLUbai2A==).

Chi sono i distributori di energia elettrica in Italia? ultima modifica: 2018-12-13T11:36:43+00:00 da La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top